Stampanti laser e getto di inchiostro

Devi comprare una stampante e vuoi conoscere le differenze tra stampanti laser e getto di inchiostro? In questo articolo ti parlo dei vantaggi e svantaggi delle due opzioni.

Se fino a qualche anno fa erano le stampanti a getto di inchiostro l’unica alternativa per stampare a colori con costi ragionevoli, negli ultimi anni le cose sono cambiate un po’.

Le stampanti laser, che in passato erano considerate solo degli oggetti costosi e ingombranti, grazie all’avanzare della tecnologia sono diventate sempre più piccole ed economiche, quasi delle stesse dimensioni delle stampanti a getto di inchiostro.

Quali sono, quindi, i pro ed i contro da tenere a mente quando si deve comprare una stampante? Vediamoli assieme nel dettaglio.

Stampanti laser (laserjet)

In questa tipologia di stampante non c’è inchiostro liquido ma toner che altro non è che una polvere colorata molto fine.

Quando viene lanciata una stampa, il laser presente all’interno della stampante carica elettrostaticamente un rullo con i testi e le immagini che devono essere stampati.

Il toner si attacca su rullo poi, quando il foglio entra a contatto con il rullo, si deposita sul foglio e, grazie ad una sorta di fornelletto il toner riscaldato si attacca definitivamente al foglio di carta.

Pro delle stampanti laser

  • Velocità di stampa elevata, sia in bianco e nero che a colori.
  • Rapporto costo del toner / pagine stampate molto vantaggioso.
  • Nessuna perdita di tempo in pulizia delle testine e simili.
  • Stampe più resistenti nel tempo.

Contro delle stampanti laser

  • Consumo di energia elettrica elevato (circa 100 Watt in più rispetto a una inkjet di pari categoria).
  • Qualità di stampa fotografica inferiore.
  • Costo iniziale d’acquisto maggiore.
  • Dimensioni maggiori.

Stampanti a getto di inchiostro (inkjet)

In questo tipo di stampante l’inchiostro è contenuto in una o più cartucce che, grazie ad una guida, scorrono a destra e sinistra sul foglio.

Queste cartucce spruzzano l’inchiostro sul foglio tramite degli ugelli posti nella parte inferiore.

Pro stampanti a getto di inchiostro

  • Costo iniziale d’acquisto minore.
  • Qualità di stampa migliore e possibilità di stampare in qualità fotografica.
  • Consumo d’energia minore.
  • Possibilità di stampare su diversi tessuti.
  • Minore ingombro.

Contro stampanti a getto di inchiostro

  • Rapporto costo delle cartucce / pagine stampate poco vantaggioso.
  • Velocità di stampa inferiore.
  • Stampe meno resistenti nel tempo.

Conclusioni

La scelta tra stampante laser e stampante a getto di inchiostro dipende da molti fattori ma resta comunque una decisione soggettiva, da prendere in base all’utilizzo che si intende fare della stampante.

Le stampanti a getto d’inchiostro sono ideali per un’utenza domestica classica che non necessita di un elevato volume di stampa e per un’utenza professionale che utilizza la stampante sopratutto per stampe fotografiche su carta di alta qualità.

Le stampanti laser sono ideali per gli uffici di tutte le dimensioni ma, grazie al recente abbassamento dei prezzi, sono indicate anche per un’utenza domestica che necessita di un discreto volume di stampa e che non richiede stampe di qualità fotografica.

La differenza di costo iniziale non è più un fattore da prendere in considerazione, in quanto il maggior costo di una stampante laser viene ammortizzato dalla maggior durata di un toner rispetto ad una cartuccia.

Personalmente, non avendo necessità di stampare foto, ho sempre preferito le stampanti laser sia per l’ottimo rapporto tra il costo del toner e le pagine stampate che per il fatto che i toner non creano tutti i problemi che invece danno le cartucce di inchiostro, come ad esempio gli ugelli otturati.

Infatti, quando le stampanti a getto di inchiostro non vengono utilizzate per un periodo superiori alle tre o quattro settimane, l’inchiostro fermo negli ugelli, a contatto con l’aria, tende a solidificarsi otturando gli stessi ugelli e creando non pochi grattacapi.

Invece una stampante laser è molto più efficiente, basta accenderla e inviare la stampa. Devi solo preoccuparti di sostituire il toner quando finisce.

Autore: Gianluca Porzio

Digital marketer, sviluppatore web e appassionato di informatica.
Seguimi su Twitter.

Lascia un commento

Share This