giapox.it

Geek Blog

Feed RSS Facebook Twitter Google+

Samsung Nexus S, nuovo top di gamma

Samsung Nexus S

Il modello Nexus di Google, sinonimo di modello di punta con l’ultimo sistema operativo del momento e riferimento per tutta la comunità di sviluppatori, è giunto al secondo modello dopo il primo One da HTC. Il fratello minore si chiama S ed è prodotto invece da Samsung.

Soffermarmi sulle caratteristiche tecniche credo sia un dovere per gli appassionati prima di passare a parlare d’altro.

Lo schermo da 4″ sembra voler far esaltare al massimo l’esperienza touch dei clienti di Android, linea che stanno seguendo anche le altre aziende con altri modelli come Defy per Motorola e Optimus 2X per LG.

Un processore che lavora alla frequenza di 1 GHz permette sostanzialmente di fare tutto quello che uno smartphone può desiderare di fare, al momento sarebbe inutile per quello che i software propongono alzare di più o produrre componenti che potrebbero fare di più (feci lo stesso ragionamento anche per il Wave, sempre di Samsung).

L’esperienza touch è esaltata anche dal Super Amoled display che l’azienda coreana ha creato e brevettato, in questo modo oltre a avere una velocissima reazione del software a tutti i comandi impartiti si vedono immagini con una realtà, precisione e definizione che possono avere paragoni solo con il retina display di Apple.

La linea e la semplicità con cui è stato disegnato e progettato lascia sconcertati: la linea è essenziale come quella di un Magic di cui ricorda leggermente la forma, non presenta sporgenze inutili e questo lo rende comodo per l’uso quotidiano ma sopratutto è uno strumento molto potente e altrettanto gradevole e funzionale anche a livello software con tutte le novità che Android OS Gingerbread porta con se.

Per gli appassionati di fotografia, i papà a cui serve sempre qualcosa per riprendere al volo i propri figli oppure per i giovani per fare fotografie in vacanza la fotocamera posteriore da 5 MP a 2560×1920 capace di girare video in HD e quella frontale per fare video chiamate non potevano mancare.

Autore: Gianluca

Nessun commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

4 × tre =