giapox.it

Geek Blog

Feed RSS Facebook Twitter Google+

QNX, BlackBerry, iOS e Android

Un mercato e una sfida tutta nuova sta interessando Google insieme a Motorola Mobility, Apple e RIM: proporre soluzioni software tecnologicamente all’altezza e sicure per gli appalti che il governo americano sta proponendo o proporrà da qui a un anno; vediamo insieme meglio di cosa si tratta e qualche esempio.

A metà febbraio ha iniziato a girare la voce che l’aviazione aerea americana avrebbe acquistato 18.000 iPad per sostituire in modo definitivo il supporto cartaceo per aerei militari veloci e di supporto, perchè considerando che una mappa cartacea ha il costo di 40$ e per perdite/usura e altro vengono cambiate spesso passare a una soluzione non facilmente deperibile e pagare dieci volte tanto a lungo termine avrebbe portato a un risparmio.
Il problema è nato quando analizzando le righe di codice di iOS a oggi non c’è niente inerente alla criptazione dei dati e del canale di comunicazione (che non dovrà nè potrà passare da server Apple a meno di ulteriori accordi) quindi a oggi niente, ma c’è da scommetterci che in iOS 6 o al più tardi 6.5 questo aspetto verrà implementato e ottimizzato per poter appunto partecipare agli appalti.

Da oggi a un anno infatti l’ATF (ente controllo armi, alcool e esplosivi) sostituirà i BlackBerry attualmente in uso e la scelta è orientata verso Apple iOS.

Google Motorola Mobility, chiamiamola così per far capire perchè sono due aziende dello stesso gruppo, ha già introdotto negli ultimi modelli di smartphone e tablet Android sistemi di sicurezza aziendali e soluzioni per azzerare il rischio di furto e perdita dati al livello minimo richiesto FIPS 140-2.

Per questo sta collaborando con l’NSA (National Security Agency) per un SDK Android dedicato oltre che con numerose aziende con il servizio Business Ready per fornire lo stesso livello di sicurezza creando un Hub di servizi tra imprese, sviluppatori e enti governativi chiamato MotoDev.

RIM al momento sta solo perdendo colpi e da quello che si sente nell’ambiente non ne segna nessuno, rimane in Ford Company dove con QNX ha fatto successo e inevitabilmente verrà chiamata anche da altre aziende automobilistiche.

Autore: Gianluca

Nessun commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

sei + dodici =